Trova
Stampa
Ricerca dei rivenditori
load google maps

Argomenti principali

06.10.2007

Manutenzione ordinaria: fattore di costo o di valore?

«La gamma dei possibili interventi di manutenzione ordinaria è vasta. Classicamente comprende il settore della chimica industriale con tutti quei moderni lubrificanti speciali di alta efficienza che si sono avvicendati all'oliatore di una volta e che aumentano la durata dell'impianto.» (Citazione dalla VTH Expertengespräch (discussione degli esperti organizzata dalla VTH) sulla manutenzione ordinaria professionale).

I prodotti chimici industriali per la manutenzione della OKS sono stati sviluppati appositamente per le complesse esigenze di manutenzione e di montaggio.

Le condizioni dettate dalla competizione globale costringono a un costante aumento della produttività. La razionalizzazione delle catene di processo e la massimizzazione della disponibilità degli impianti ne sono i presupposti necessari. Proprio sotto questo aspetto alla manutenzione ordinaria compete un ruolo chiave, perché la produttività dipende dal funzionamento regolare e continuativo dell'impianto di produzione.

Manutenzione ordinaria: fattore di costo o di valore?

Naturalmente la manutenzione ordinaria è connessa a costi che l'azienda deve sostenere. Si stima che il volume di costi per la manutenzione ordinaria in Germania sia pari a circa 250 miliardi di euro. Ma poiché la manutenzione ordinaria è parte integrale della catena di creazione di valore, non è possibile tralasciarla a priori. Per la realizzazione del prodotto finito, il lubrificante che tiene in moto la macchina di produzione è altrettanto importante delle sue materie prime.

Si tratta quindi di ottimizzare i tempi e i costi della manutenzione ordinaria - e non di minimizzarli. Il seguente grafico illustra e chiarisce dove è allocato l'ottimo dei costi per la manutenzione ordinaria CIH.

Un'azienda gestisce in modo ottimale i tempi e i costi della manutenzione ordinaria quando riesce a minimizzare la somma dei costi della manutenzione ordinaria e dei costi causati dai periodi di fermo dovuti alle avarie.

La manutenzione ordinaria è un importante fattore di (creazione di) valore aggiunto che è meglio mantenere su un livello abbondante piuttosto che minimizzarlo.

Se un'azienda gestisce i suoi impianti minimizzando i tempi e i costi della manutenzione ordinaria, vale a dire riducendo sempre di più il numero di cicli di manutenzione, corre il pericolo che i costi causati dai periodi di fermo dovuti alle avarie e quindi anche i costi complessivi crescano in maniera sproporzionata. I tempi e i costi della manutenzione ordinaria leggermente "esagerati" si ripercuotono meno drasticamente sui costi complessivi, in quanto i costi per la manutenzione crescono linearmente con il numero di cicli di manutenzione.

Dipl.-Ing. Bernhard Finke

Responsabile vendite Germania

Indietro alla panoramica
  • Fissare un appuntamento

  • Servizio assistenza clienti e tecnico

    Servizio assistenza clienti e tecnico

    • +49 (0) 8142 3051 - 637